Terapia Cheratocono

Evita il trapianto di cornea con il trattamento di cross-linking, bloccando il cheratocono con la vitamina B2 e i raggi ultravioletti

Terapia Cheratocono

Terapia Cheratocono

Richiedi prenotazione

Il cheratocono è una malattia degenerativa della cornea che si manifesta nell’infanzia o nella pubertà, consiste in un progressivo sfiancamento del tessuto che si assottiglia e si estroflette all’apice assumendo la forma di un cono. Si stima che coinvolga tra le 50 e le 100 persone ogni 230 mila abitanti.

Si manifesta con astigmatismo più o meno irregolare, miopia, più raramente ipermetropia ed è caratterizzato, quindi, da una progressiva visione sfuocata scarsamente migliorabile con occhiali o lenti a contatto.

Il cross linking è un trattamento miniinvasivo ed indolore che rende la cornea più rigida e ne evita lo sfiancamento: si creano nuovi legami tra le fibre stromali facendo reagire una sostanza fotosensibile (la riboflavina) con i raggi ultravioletti.

Questo trattamento parachirurgico è in grado di evitare, nella maggior parte dei casi, il trapianto di cornea e consiste in un “rinforzo” del legame tra le fibre collagene capace di bloccare, o almeno limitare per un periodo più o meno lungo, la deformazione patologica della cornea.

LE FASI DELLA TERAPIA CHERATOCONO

  • Preparazione
    L’occhio viene anestetizzato con un collirio
  • Rimozione
    Si procede con la rimozione dell’epitelio corneale per consentire al farmaco di penetrare correttamente
  • Somministrazione
    Quindi si somministra la riboflavina goccia a goccia e la si espone ai raggi ultravioletti di tipo A (UV-A)
  • Lente protettiva
    Si applica una lente a contatto morbida per favorire la corretta guarigione della superficie corneale

L’intervento di Cross linking dura circa 60 minuti e non è doloroso. Il post operatorio prevede un riposo di circa due giorni, gestito con antidolorifici. 5 giorni dopo l’intervento, deve sottoporsi all’asportazione di una lente a contatto protettiva, che viene inserita in fase intraoperatoria. La stabilizzazione del risultato avviene entro i 4-6 mesi dall’intervento.

  • 01
    Il cross linking corneale è doloroso?
    Durante il trattamento del cross-linking corneale, il paziente viene solitamente sottoposto ad anestesia locale tramite colliri anestetici. Ciò riduce il disagio e il dolore durante la procedura. Tuttavia, potresti sperimentare una sensazione di pressione o fastidio nell'occhio trattato durante e dopo la procedura.
  • 02
    Quanto tempo ci vuole per recuperarsi dal cross-linking corneale?
    Il periodo di recupero dal cross-linking corneale varia da persona a persona, ma di solito richiede diverse settimane. Durante questo periodo, potrebbe essere necessario utilizzare colliri e seguire le istruzioni del medico per garantire una corretta guarigione.
  • 03
    Il cross-linking corneale è una cura definitiva per il cheratocono?
    Il cross-linking corneale non è considerato una cura definitiva per il cheratocono, ma può aiutare a stabilizzare la malattia e prevenire una maggiore progressione.
Richiedi informazioni
Prestazione: Terapia Cheratocono
Richiedi informazioni
Genere
Privacy
Richiedi prenotazione
Compila questo modulo per chiedere la prenotazione della prestazione che hai scelto, ti contatteremo per confermarla o proporti alternative
Prenota ora
Privacy

La newsletter della salute

Prevenzione, cura, sane abitudini, novità: ricevi periodicamente aggiornamenti utili alla tua salute e benessere dal network Centro di medicina.

Il network per la tua salute

Affidati a Centro di medicina, una rete di cliniche poliambulatoriali private e convenzionate a servizio delle tue esigenze di salute.
conosci il nostro gruppo
newsletter medicina moderna mobile
Aggiornamento sull'attacco ai sistemi informatici di Synlab Italia

Informiamo i nostri pazienti che il laboratorio analisi di Centro di medicina non è stato coinvolto nell’attacco ai sistemi informatici di Synlab Italia. Centro di medicina si avvale del service Synlab solo per alcuni test.

Per ulteriori info clicca qui