Home > BlogSalute > CELLULITE E ADIPE LOCALIZZATO?

Ultimi articoli

4 Agosto 2020
Una tecnica soft per il rimodellamento del naso ideata dal dott. Francesco Aji
29 Luglio 2020
Sia l'uomo che la donna determinano la sterilità in una coppia
22 Giugno 2020
La terapia della pelle a base di acido ialuronico
19 Giugno 2020
Per quanto riguarda la sfera sessuale maschile vi sono spesso molti dubbi su questo argomento
6 Maggio 2020
Esercizi moderati possono aiutarci a curare il nostro mal di schiena

Archivi

BlogSalute

24 Marzo 2016

CELLULITE E ADIPE LOCALIZZATO?

Scopri la radiofrequenza e cavitazione.

SCOPRI LA RADIOFREQUENZA E CAVITAZIONE.

AL CENTRO DI MEDICINA TROVI LE SOLUZIONI PIU’ ADATTE ALLE TUE ESIGENZE

L’estate è ormai alle porte, è arrivato il momento di rimettersi in forma.

Approfitta della promozione del Centro di Medicina per combattere gli inestetismi di addome, fianchi, cosce, glutei, schiena, pelle rilassata e atonica, in particolare cellulite e adipe localizzato.

In campo estetico negli ultimi 10 anni sono state introdotte alcune metodiche innovative :

  • la radiofrequenza
  • la cavitazione
  • le onde d’urto

Usate nella maniera appropriata ci danno la possibilità di ottenere sul corpo risultati di grande qualità contro cellulite e adipe localizzato che fino a poco tempo fa erano ottenibili solo con l’intervento chirurgico.

Ma come funziona la radiofrequenza?

La tecnologia a radiofrequenza trasporta energia al derma profondo (5-20mm); le onde elettromagnetiche comprese tra i 0,3 MHz e i 10 GHz penetrano nei tessuti esposti producendo calore a seguito dell’assorbimento di energia di questi. La profondità di penetrazione dipende dalla frequenza del campo e dall’impedenza dei tessuti ovvero dalla capacità di questi di essere attraversati: bassa nell’epidermide, alta nel grasso e nella cellulite, nulla nel muscolo. La maggior parte degli effetti che si verificano sui tessuti interessati possono essere spiegati come risposta ad un riscaldamento indotto che a sua volta dà luogo ad un aumento della temperatura superiore ad 1 grado. Le risposte al riscaldamento, misurabile sulla pelle a 41 – 42° ma ben più alto nel sottocutaneo sono:

  • una vasodilatazione con conseguente aumento dell’ossigenazione e asportazione di tossine e metaboliti
  • aumento del metabolismo in accordo con la legge di van Hoff
  • effetto lipolitico con scissione dei trigliceridi depositati nelle cellule adipose e contrazione dei tessuti per denaturazione del collagene e aumento della sua produzione da parte dei fibroblasti.

Fondamentale per l’ottenimento dei massimi risultati è, oltre alla scelta del paziente e del suo inestetismo, l’operatività: perché il risultato avvenga è fondamentale infatti una precisione da parte dell’operatore per i tempi e i modi in cui il calore agisce sul tessuto. Il target si ottiene portando appunto la pelle a 42° e mantenendo questo gradiente di temperatura per almeno due minuti. Un protocollo standard prevede da 4 a 6 sedute a cadenza settimanale e della durata di circa un’ora.

L’innovazione nei macchinari utilizza attualmente la tecnologia multipolare che ottimizza la penetrazione del calore e garantisce una grande quantità di energia.

Il Centro di Medicina utilizza esclusivamente tecnologie di ultima generazione, non invasive e indolori, adatte a tutti i tipi di pelle. Per una elevata efficacia sulle adiposità, associamo RADIOFREQUENZA E CAVITAZIONE, trattamenti combinati eccellenti.

 

PROMOZIONE MARZO – APRILE

RADIOFREQUENZA + CAVITAZIONE

6 trattamenti + 1 IN OMAGGIO

 

Richiedi una consulenza gratuita alle nostre Beauty Advisor o scrivici a consulenza@centrodimedicina.com

 

 

Ultimi articoli

4 Agosto 2020
Una tecnica soft per il rimodellamento del naso ideata dal dott. Francesco Aji
29 Luglio 2020
Sia l'uomo che la donna determinano la sterilità in una coppia
22 Giugno 2020
La terapia della pelle a base di acido ialuronico
19 Giugno 2020
Per quanto riguarda la sfera sessuale maschile vi sono spesso molti dubbi su questo argomento
6 Maggio 2020
Esercizi moderati possono aiutarci a curare il nostro mal di schiena

Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Cookie Policy.Cookie Policy. Cliccando "Ok" su questo banner o proseguendo nella navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie.

Impostazioni: scegli a quali tipologie di cookie dare il consenso. Clicca "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.