Home > News > Pordenone, per le coppie friulane e venete cresce il ricorso alla eterologa

Ultimi articoli

20 Settembre 2021
Nei 50 punti sul territorio veneto, aumentata la richiesta da turisti, lavoratori del commercio e insegnanti. Una task force porta il Covid point nelle piazze a supporto di eventi e fiere.
8 Settembre 2021
Durante la pandemia è cresciuto il desiderio di genitorialità: numero dei cicli raddoppiato
6 Settembre 2021
Dato il grande afflusso di persone al punto tamponi allestito in piazza Mazzini da Centro di medicina, l’amministrazione comunale ha concesso una proroga all'autorizzazione per svolgere il servizio che proseguirà dunque fino a domenica 17 settembre.
19 Agosto 2021
Migliora l’igiene orale e l’estetica del tuo sorriso

Archivi

News

8 Settembre 2021

Pordenone, per le coppie friulane e venete cresce il ricorso alla eterologa

Dr.Facchin_Dr.Foresta_Dr.Tomei

Durante la pandemia è cresciuto il desiderio di genitorialità: numero dei cicli raddoppiato

L’età delle coppie che accedono alla PMA è stabile, cresce però, al di sopra del 35% la percentuale di successo. Nel congresso di Brugnera presentate in anteprima le linee guida nazionali della procreazione medicalmente assistita.

Cresce il ricorso delle coppie friulane e venete alla Procreazione Medicalmente Assistita con una forte spinta data dall’eterologa. È quanto emerso dal congresso voluto dal Direttivo CECOS ITALIA, presieduto da Stefano Facchin e Francesco Tomei, tenutosi ieri a Brugnera, che ha visto in apertura, tra gli altri, i saluti del Presidente dell’Ordine dei medici Guido Lucchini e dal Presidente della III commissione sanità del FVG Ivo Moras, oltre a quello dei di Nino Guglielmino, presidente nazionale della  Società Italiana della Riproduzione Umana (S.I.R.U.), e Adolfo Allegra, presidente nazionale Cecos, la storica società di medicina della riproduzione.

Il trend della crescita dell’età alla quale una coppia pensa alla genitorialità rimane costante – età media al primo figlio di poco superiore ai 32 anni – così come costante è la decrescita della natalità. Cresce invece il dato – che sale oltre il 3% – delle nascite ottenute grazie al ricorso ad una tecnica di procreazione medicalmente assistita (PMA). Cosa è cambiato allora? “Le coppie accedono sempre più alla procreazione eterologa e questo fa aumentare il numero dei cicli – spiega Francesco Tomei, per anni punto di riferimento all’Ospedale di Pordenone e Direttore PMA Centro di medicina San Donà di Piave – nel nostro centro di San Donà di Piave siamo passati in poco più di tre anni da 300 a oltre 600 cicli (previsione di chiusura 2021), con un dato del 37% di successo, leggermente al di sopra della media nazionale, ma che fotografa un trend in atto. Vale la pena evidenziare anche che un anno e mezzo di Covid ha portato molte coppie a desiderare la genitorialità è quindi incrementato di oltre il 40% l’accesso a questo servizio”.

Il Centro di medicina di San Donà di Piave, con il suo reparto dedicato alla PMA al quale anche la sede di Pordenone è collegata, si classifica tra le prime posizioni nel Nord Est (dati registro nazionale PMA usciti nel 2020) con 537 cicli nel 2018 rispetto ai 6470 complessivi (tra Veneto e Friuli Venezia Giulia).

Una sede quella sandonatese di oltre 400 metri quadrati dove si possono effettuare trattamenti di Procreazione Medicalmente Assistita omologa ed eterologa quali inseminazioni Intrauterine IUI, e i trattamenti FIVET, ICSI, TESA, oltre che alla possibilità di crioconservazione degli ovociti e degli spermatozoi. Tanta attività clinica ma anche la volontà di far crescere tra la classe medica la consapevolezza e la correttezza dei percorsi di PMA.

“Abbiamo presentato in anteprima nazionale qui in provincia di Pordenone le linee guida della medicina della riproduzione. Portando ai colleghi ginecologi e ai medici di medicina generale informazioni importanti e corrette da trasmettere ai pazienti  – continua il dottor Francesco Tomei – e proponendo un’attività scientifica e divulgativa sempre più necessaria la fine di dare risposte sempre più appropriate sulla medicina della riproduzione di fronte ad una crescita tumultuosa ed esponenziale che la pone oramai come branca medica polidisciplinare a sé stante”.

Il congresso di Brugnera, al quale hanno preso parte oltre 70 specialisti, ha ricordato la figura del l’ex primario e ginecologo Valter Adamo, che ha perso la vita a fine dello scorso anno all’età di 71 anni a causa del Coronavirus. La figlia Elisa ne ha ricordato la statuaria figura di professionista e umana.

 

Ultimi articoli

20 Settembre 2021
Nei 50 punti sul territorio veneto, aumentata la richiesta da turisti, lavoratori del commercio e insegnanti. Una task force porta il Covid point nelle piazze a supporto di eventi e fiere.
8 Settembre 2021
Durante la pandemia è cresciuto il desiderio di genitorialità: numero dei cicli raddoppiato
6 Settembre 2021
Dato il grande afflusso di persone al punto tamponi allestito in piazza Mazzini da Centro di medicina, l’amministrazione comunale ha concesso una proroga all'autorizzazione per svolgere il servizio che proseguirà dunque fino a domenica 17 settembre.
19 Agosto 2021
Migliora l’igiene orale e l’estetica del tuo sorriso

Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Cookie Policy.Cookie Policy. Cliccando "Ok" su questo banner o proseguendo nella navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie.

Impostazioni: scegli a quali tipologie di cookie dare il consenso. Clicca "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.