A Montebelluna è arrivato il mammografo “intelligente”, oggi è stato inaugurato dalle Istituzioni

Arrivato all’interno del Servizio di Radiologia l’innovativo Mammografo 3D con Tomosintesi smartcurve, Centro di medicina Montebelluna di via Biagi attiva il servizio di Senologia diagnostica

A Montebelluna è arrivato il mammografo “intelligente”, oggi è stato inaugurato dalle Istituzioni

Dai dispositivi per alleviare il dolore alla iper definizione delle immagini grazie alla Tomosintesi, è l’avanguardia nella diagnosi precoce del tumore al seno

Con l’arrivo all’interno del Servizio di Radiologia dell’innovativo Mammografo 3D con Tomosintesi smartcurve, Centro di medicina Montebelluna di via Biagi attiva il servizio di Senologia diagnostica. Questa apparecchiatura, che ha richiesto un importante investimento (250 mila euro), è l’avanguardia nella diagnosi precoce del tumore al seno e si qualifica sia per l’altissima risoluzione e per la velocità.

Questa mattina l’inaugurazione alla presenza delle istituzioni, dal Comune di Montebelluna il dottor Elzo Severin, Assessore Sanità, alla Confartigianato, con la rappresentante provinciale ANAP Letizia Baccichet, alla CNA con Andrea Formaggi, che hanno plaudito all’iniziativa.

Vincenzo Papes: “Mettiamo questa apparecchiatura a disposizione del Sistema Sanitario pubblico. È inserita in una Radiologia di ultima generazione con una risonanza magnetica ad alto campo e intelligenza artificiale”

Nel presentare questo investimento Vincenzo Papes, Ad Gruppo Centro Di Medicina, ha detto: “Dieci anni fa siamo stati i primi privati ad introdurre una apparecchiatura di questo livello non solo in provincia di Treviso ma in tutto il Veneto. Da lì non ci siamo più fermati e da allora abbiamo creato una rete provinciale con 5 mammografi ed oltre 10 specialisti nella Marca trevigiana, offrendo un servizio capillare, una rete che abbraccia sia il primo e secondo sia il terzo livello di approfondimento, grazie alla presenza delle risonanze magnetiche ad alto campo con intelligenza artificiale e professionisti stimati. La prevenzione passa per l’innovazione tecnologica senza dimenticare l’impegno delle equipe dedicate ed il protocollo standard – ha detto Vincenzo Papes – L’auspicio è che questa Radiologia possa essere accreditata ed entrare nel circuito del Sistema Sanitario Nazionale. Vista la dimensione e la evoluzione di questa clinica ambulatoriale, saremmo onorati di poter dare al territorio anche questo tipo di opportunità.

Protagoniste della giornata odierna e del taglio del nastro rosa le donne del Palio del Vecchio Mercato, con la Contrada di Posmon, dalla Capomastro Aurora Bettamin, con Chiara Agostinetto, Laura Berlato e Ketty Piccolo

La cerimonia di inaugurazione si è conclusa con il taglio del nastro rosa davanti alla apparecchiatura, alla presenza di Manuela Tonon, che ha portato la sua testimonianza di donna che ha affrontato l’esperienza del tumore al seno, testimonial della campagna studiata e prodotta dal Gruppo Centro di medicina dal titolo “Tu No. Non aspettare. Fai prevenzione”, che punta a coinvolgere tutte le donne del territorio nella lotta al tumore al seno.

Inoltre hanno preso parte al taglio del nastro il Radiologo Nicola Martino, Radiologo, Referente Diagnostica Radiologica Gruppo Centro di Medicina, e le atlete del Palio del Vecchio Mercato, con la Contrada di Posmon, dalla Capomastro Aurora Bettamin, con Chiara Agostinetto, Laura Berlato e Ketty Piccolo. Insieme a loro ad accompagnarle il Presidente, Nicola Palumbo.

L’A.D. Vincenzo Papes: “La prevenzione passa per l’innovazione tecnologica senza dimenticare l’impegno delle equipe dedicate ed il protocollo standard”

IL NUOVO MAMMOGRAFO CON TOMOSINTESI – Riducendo gli artefatti da sovrapposizione, infatti, consente un’analisi più accurata della struttura del seno con una dose di radiazione ampiamente entro i limiti standard riconosciuta come accettabile.

La Tomosintesi inoltre consente l’individuazione delle patologie riducendo gli accertamenti strumentali invasivi. Dall’altro lato, il mammografo 3D con tomosintesi è dotato di particolari dispositivi anatomici (smart curve) che consentono di alleviare il dolore dell’esame e renderlo così più fruibile dalle donne. Questa innovazione si inserisce in una struttura evoluta in ambito di prevenzione al femminile, dove sono presenti gli ecografi mammari di ultima generazione e gli Ecografi Voluson E10, fondamentali nella diagnosi dei tumori ginecologici.

IL PROTOCOLLO GOLD STANDARD, NELLA STESSA SEDUTA MAMMOGRAFIA ED ECOGRAFIA – Nella nuova Radiologia di Centro di medicina viene effettuato il protocollo gold standard, che prevede nell’unica seduta la mammografia e l’ecografia mammaria, con visita da parte dello specialista (esame clinico strumentale delle mammelle). L’equipe senologica di sede può contare su professionisti del calibro della dottoressa Anna Bassini, già referente dell’Unità di Senologia dell’Azienda Sanitaria (ASFO) di Pordenone.

Inoltre, la sede è inserita nella rete della prevenzione senologica di Centro di medicina, dove la Risonanza Magnetica ad alto campo (1,5 tesla) dotata di intelligenza artificiale contribuisce all’indagine di secondo livello, utile nello studio delle giovani donne predisposte geneticamente al tumore mammario o, nel sospetto di malattia plurifocale e pluricentrica, e nelle donne con protesi nel sospetto di rotture. Ogni anno sono oltre 70 mila le pazienti che si rivolgono all’intera rete della Senologia diagnostica di Centro di medicina per la diagnosi precoce.

 

LA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE “TU NO” – Al centro della campagna un cortometraggio, di cui sono protagoniste quattro donne dell’Associazione Amiche per la Pelle APS con le loro testimonianze, che raccontano la loro esperienza diretta con la malattia.
La diagnosi di una neoplasia mammaria è spesso una storia di rinunce. Il tumore al seno lede la femminilità, oscura la visione del futuro, non consente di assaporare appieno le gioie della quotidianità, ma con la diagnosi precoce aumenta le possibilità di guarigione e migliora la qualità della vita. L’agire per tempo può svoltare il finale di questa storia. Guarda il video

I NUMERI DEL TUMORE AL SENO – Il Registro Tumori del Veneto – Direttore scientifico il professor Massimo Rugge – delinea la seguente situazione per il Veneto nell’anno 2022. In Veneto, lo scorso anno, sono stati diagnosticati 33.580 nuovi casi di tumore maligno (Maschi: 17.898; Femmine: 15.682). Nel sesso femminile, i tumori della mammella sono i più frequenti (5.153 casi) in tutte le fasce di età. Seguono i tumori del colon-retto (1.631) e quelli del polmone (1.114). Nelle donne di età inferiore a 50 anni, spicca l’incidenza dei tumori della tiroide. Nei maschi, il carcinoma della prostata è il più frequente (3.177 casi), seguito dai tumori del polmone (2.063) e del colon retto (1.970). Nei maschi più giovani di 50 anni, il melanoma è il tumore più frequente, seguito dai tumori del testicolo. A gennaio del 2018, circa 300,000 residenti nel Veneto (6%) avevano sperimentato una diagnosi di tumore maligno. L’aumento della vita media dei Veneti e il miglioramento dei protocolli di diagnosi e cura fanno prevedere la crescita di questa popolazione.

La newsletter della salute

Prevenzione, cura, sane abitudini, novità: ricevi periodicamente aggiornamenti utili alla tua salute e benessere dal network Centro di medicina.

Il network per la tua salute

Affidati a Centro di medicina, una rete di cliniche poliambulatoriali private e convenzionate a servizio delle tue esigenze di salute.
conosci il nostro gruppo
newsletter medicina moderna mobile
Aggiornamento sull'attacco ai sistemi informatici di Synlab Italia

Informiamo i nostri pazienti che il laboratorio analisi di Centro di medicina non è stato coinvolto nell’attacco ai sistemi informatici di Synlab Italia. Centro di medicina si avvale del service Synlab solo per alcuni test.

Per ulteriori info clicca qui