Home > BlogSalute > Spalla congelata: cos’è e come trattarla

Ultimi articoli

14 Dicembre 2021
Naso chiuso? Roncopatia ed apnee notturne? La radiofrequenza è una soluzione definitiva e non invasiva per una migliore respirazione nasale
22 Novembre 2021
Un adeguato percorso fisioterapico consente di risolvere l'AMI - inibizione muscolare artrogenica
13 Settembre 2021
Intervista alla dott.ssa Elena Giardini, Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica
23 Agosto 2021
In molte persone un regime dietetico equilibrato ed un esercizio fisico regolare possono non bastare ad evitare un accumulo di tessuto adiposo e cutaneo a livello addominale e rendere necessario una correzione chirurgica.
27 Luglio 2021
L’intervento di mastoplastica addittiva, sin dalla sua introduzione nel 1963, è sempre rimasto al top delle richieste in chirurgia estetica.

Archivi

BlogSalute

6 Maggio 2021

Spalla congelata: cos’è e come trattarla

Una condizione caratterizzata da rigidità e dolore nell'articolazione della spalla

La Sindrome della Spalla Congelata, conosciuta anche come “capsulite adesiva” è una patologia che causa una condizione dolorosa a seguito di un restringimento e della successiva infiammazione della capsula del tessuto limitando così il movimento della spalla: vi è un picco di incidenza tra i 40 e i 65 anni di età e prevalenza tra le donne e  può persistere per anni, se non adeguatamente gestita e trattata. La malattia non sempre viene identificata in maniera tempestiva: talvolta i sintomi vengono associati a una generica “infiammazione” dei tendini e dei tessuti molli, allungando così i tempi di guarigione.

Il decorso della sindrome viene suddiviso in 4 fasi. Nella prima fase il paziente viene colpito alla spalla non dominante da un dolore acuto, che persiste anche a riposo disturbando anche il sonno. Nella seconda fase chiamata “Freezing Stage” si registra una graduale perdita del movimento a causa del dolore. Nella terza fase, detta anche “Frozen Stage” si nota dolore e perdita del movimento. Infine, nella quarta fase “scongelamento”, si manifesta la riduzione progressiva del dolore con persistenza di debolezza muscolare, anche molto tempo dopo la scomparsa dei sintomi.

Per quanto riguarda le metodiche di trattamento della “spalla congelata” attraverso l’utilizzo di farmaci si mira a limitare le caratteristiche infiammatorie della patologia, mentre con la fisioterapia si cerca di prevenire o modificare le retrazioni capsulari e dei legamenti.

L’approccio terapeutico riabilitativo andrà studiato non solo in relazione alla fase clinica della patologia ma anche in base ai sintomi e alle condizioni del paziente per ottenere una significativa riduzione del dolore e un miglioramento della funzionalità dell’arto.

Secondo uno studio sul tema, “la terapia manuale provoca l’attivazione di meccanismi analgesici che si pensa siano i responsabili dell’aumento della soglia del dolore”[1].

Per quanto riguarda il supporto nel recupero della mobilità, le tecniche che si sono rivelate maggiormente efficaci sono le immobilizzazioni ad alto grado e quelle con movimento di Mulligan, garantendo un miglior risultato con un minor numero di sedute.

Presso il Centro di Medicina troverai dei fisioterapisti perfezionati nel trattamento di questo disturbo e che ti sapranno guidare verso il recupero più completo, grazie all’impiego delle tecniche fisioterapiche adatte al tuo caso.

[1] T. Innocenzi, D. Ristori, Il ruolo e l’efficacia della terapia manuale nella sindrome della spalla congelata: una revisione della letteratura”, Scienza Riabilitativa 2015; 17(2): 5-20

Ultimi articoli

14 Dicembre 2021
Naso chiuso? Roncopatia ed apnee notturne? La radiofrequenza è una soluzione definitiva e non invasiva per una migliore respirazione nasale
22 Novembre 2021
Un adeguato percorso fisioterapico consente di risolvere l'AMI - inibizione muscolare artrogenica
13 Settembre 2021
Intervista alla dott.ssa Elena Giardini, Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica
23 Agosto 2021
In molte persone un regime dietetico equilibrato ed un esercizio fisico regolare possono non bastare ad evitare un accumulo di tessuto adiposo e cutaneo a livello addominale e rendere necessario una correzione chirurgica.
27 Luglio 2021
L’intervento di mastoplastica addittiva, sin dalla sua introduzione nel 1963, è sempre rimasto al top delle richieste in chirurgia estetica.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Cookie Policy. Cliccando "Ok" su questo banner o proseguendo nella navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie.

Impostazioni Cookie

Scegli a quali categorie di cookie dare il consenso. Clicca su "Salva impostazioni cookie" per confermare la tua scelta.

FunzionaliSi tratta di cookie necessari al corretto funzionamento del sito web.

Analitici

Social media

Marketing

Altri

WeePie Cookie Allow close bar icon

Impostazioni Cookie

Scegli a quali categorie di cookie dare il consenso. Clicca su "Salva impostazioni cookie" per confermare la tua scelta.

FunzionaliSi tratta di cookie necessari al corretto funzionamento del sito web.

Analitici

Social media

Marketing

Altri


WeePie Cookie Allow close popup modal icon