Home > BlogSalute > La riabilitazione respiratoria nel paziente post Covid

Ultimi articoli

4 Luglio 2022
È una delle malattie cutanee più diffuse
30 Giugno 2022
Sono circa 300.000 le persone in Italia che presentano la forma avanzata
16 Giugno 2022
Il network Centro di medicina è al tuo fianco nella ripresa della pratica sportiva
10 Giugno 2022
Lo testimonia Gerardo che, dopo aver portato per anni occhiali e lenti, ha finalmente migliorato la sua qualità di vita
27 Maggio 2022
L’importanza del dialogo chirurgo-paziente per un approccio misurato e consapevole all’intervento

Archivi

BlogSalute

14 Maggio 2021

La riabilitazione respiratoria nel paziente post Covid

Velocizza il recupero e previene il persistere della disabilità respiratoria e motoria

Nei pazienti affetti da Covid19 sono stati riscontrati disturbi della funzione respiratoria. Uno studio cinese, condotto nei mesi di gennaio e febbraio 2020, ha messo in luce come un tempestivo intervento di riabilitazione respiratoria possa contribuire a recuperare la funzionalità polmonare, migliorando la qualità della vita.

Basandosi sui riscontri in letteratura relativi alla riabilitazione respiratoria su persone affette da malattie ostruttive polmonari croniche, il trial di Liu at al. 2020[1] ha coinvolto 72 partecipanti guariti dal Covid, sopra i 65 anni di età, che non presentavano patologie respiratorie pregresse.

Il percorso riabilitativo prevedeva due sessioni a settimana per un periodo di sei settimane ed era composto da esercizi di respirazione, esercizi di stretching ed esercizi da svolgere a casa.

È stato riscontrato che il gruppo che aveva seguito il programma era riuscito a migliorare la propria respirazione grazie al corretto uso del diaframma e della muscolatura intercostale della gabbia toracica e la resistenza allo sforzo in maniera significativa rispetto al gruppo di controllo: il declino dei muscoli respiratori ha infatti come conseguenza la dispnea, che genera debolezza muscolare da non uso.

Con la riabilitazione respiratoria è possibile non solo migliorare la dinamica respiratoria, ma anche contrastare l’indebolimento muscolo-scheletrico, riducendo l’insorgenza di possibili complicanze.

[1] (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32379637/

Ultimi articoli

4 Luglio 2022
È una delle malattie cutanee più diffuse
30 Giugno 2022
Sono circa 300.000 le persone in Italia che presentano la forma avanzata
16 Giugno 2022
Il network Centro di medicina è al tuo fianco nella ripresa della pratica sportiva
10 Giugno 2022
Lo testimonia Gerardo che, dopo aver portato per anni occhiali e lenti, ha finalmente migliorato la sua qualità di vita
27 Maggio 2022
L’importanza del dialogo chirurgo-paziente per un approccio misurato e consapevole all’intervento

Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti per le sue funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui Cookie Policy.

Impostazioni Cookie

Scegli a quali categorie di cookie dare il consenso. Clicca su "Salva impostazioni cookie" per confermare la tua scelta.

FunzionaliSi tratta di cookie necessari al corretto funzionamento del sito web.

Analitici

Social media

Marketing

Altri

Impostazioni Cookie

Scegli a quali categorie di cookie dare il consenso. Clicca su "Salva impostazioni cookie" per confermare la tua scelta.

FunzionaliSi tratta di cookie necessari al corretto funzionamento del sito web.

Analitici

Social media

Marketing

Altri


WeePie Cookie Allow close popup modal icon