Home > Eventi, News > Il Friuli Venezia Giulia mette al centro la Procreazione Medicalmente Assistita

Ultimi articoli

29 Luglio 2022
Un’importante innovazione che consiste in un Algoritmo intelligente di ricostruzione dell’immagine che accorcia gli esami
28 Luglio 2022
Riprende l’iniziativa estiva che coinvolge le spiagge venete
27 Luglio 2022
Si rinnova la partnership tra S.P.A.L. e Centro di Medicina – Ferrara Day Surgery
25 Luglio 2022
Ecco il calendario estivo per le sedi del Gruppo Centro di medicina
8 Luglio 2022
Il 15 giugno 2022 presso la Cna di Ferrara si è tenuto l’incontro con tre specialisti di Centro di medicina Ferrara

Archivi

Eventi, News

5 Luglio 2022

Il Friuli Venezia Giulia mette al centro la Procreazione Medicalmente Assistita

A Lignano Sabbiadoro specialisti a confronto chiamati dai coordinatori Francesco Tomei e Stefano Facchin

Ventiquattro interventi in due giorni, quattro sessioni dal titolo III Giornate Lignanesi di Medicina e Chirurgia della Riproduzione Umana. A Lignano Sabbiadoro, al Sala Conferenze Cinecity, è stato posto al centro il tema della fertilità in chiave di  medicina della riproduzione e delle tecniche di procreazione medico assistita.

A coordinare il congresso, insieme al dottor Stefano Facchin, uno dei professionisti più stimati e apprezzati in Friuli Venezia Giulia, il dottor Francesco Tomei, per anni punto di riferimento all’Ospedale di Pordenone e oggi Direttore PMA Centro di medicina San Donà di Piave e di Pordenone. “Cresce di anno in anno sia il ricorso alla fecondazione omologa che a quella eterologa che rappresenta una grande opportunità. – spiega il dottor Francesco Tomei – Oltre all’attività di medicina della riproduzione vogliamo poter contribuire anche con l’attività culturale e scientifica con un evento annuale nazionale che candida il nostro territorio a diventare anche un riferimento scientifico”.

Tra gli interventi che hanno introdotto la prima e seconda sessione del congresso la consigliera regionale Maddalena Spagnolo membro della III commissione Sanità. è intervenuta portando il saluto della Amministrazione regionale patrocinante l’evento. “La pandemia ha portato al pettine tutta una serie di nodi gravissimi che ci troviamo ad affrontare – ha detto – Questa potrebbe essere però anche l’opportunità per mettere il paziente al centro concentrandosi sulle problematiche che lo riguardano, come stiamo facendo oggi, con la donna e il suo benessere. Oggi pensiamo alla PMA anche come risposta alla denatalità. Ringrazio per aver ripreso con tanta energia queste tematiche con un convegno di due giorni e aver scelto il Friuli Venezia Giulia”.

Tra gli interventi si segnalano quello di apertura della prima giornata del professor Ettore Cittadini, padre della Procreazione Medicalmente Assistita in Italia, con la Lettura Magistrale dal titolo “La medicina della riproduzione nel terzo millennio” (minuto 35.50).

Ma anche nella seconda sessione, dedicata al rapporto tra la PMA e la nutrizione e l’alimentazione, la relazione dal titolo “Nutrire la fertilità in medicina della riproduzione: quando la nutrizione incontra la clinica” con Marta Santin, nutrizionista di Centro di medicina (minuto 3.18.00)

 

Un congresso molto partecipato che ha visto una seconda giornata molto intensa. La III sessione, che ha aperto la giornata di martedì 31 maggio, si è concentrata sulla diagnosi dei fattori d’infertilità ha avuto come moderatori Alessandra Arteni e Roberta Pinzano. Ad aprile la sessione l’intervento dal titolo “La diagnostica andrologica: un’opportunità da non perdere” di Alberto Ferlin.

Con il titolo “La chirurgia della fertilità” si è aperta la IV sessione che ha visto tra gli altri l’intervento del professor Paolo Scollo su “Il trapianto d’utero: la realtà italiana”. (minuto 39.00).

A gennaio 2022 è stato proprio lui protagonista del secondo trapianto di utero in assoluto in Italia. In Sicilia, a Catania, congiuntamente da parte delle équipe delle aziende ospedaliere Cannizzaro e Policlinico Rodolico-San Marco, in collaborazione con la rete trapiantologica nazionale e regionale e con l’Ospedale Civico di Palermo. Le stesse équipe, guidate rispettivamente dal prof. Paolo Scollo del Cannizzaro e dal prof. Pierfrancesco Veorux del Policlinico, avevano effettuato nell’agosto del 2020 il primo trapianto di utero in Italia, tra i primi in Europa.

La quinta sessione si è concentrata sullo stato della PMA allo stato odierno mentre la sessione successiva, conclusiva del congresso, ha evidenziato il rapporto tra PMA e futuro. “Preservare la fertilità: l’Intelligenza Artificiale a monitoraggio dello stato di salute riproduttiva” e “I Social media nella PMA come metodo di comunicazione nel futuro” gli argomenti posti al centro di questa sessione conclusiva.

 

Ultimi articoli

29 Luglio 2022
Un’importante innovazione che consiste in un Algoritmo intelligente di ricostruzione dell’immagine che accorcia gli esami
28 Luglio 2022
Riprende l’iniziativa estiva che coinvolge le spiagge venete
27 Luglio 2022
Si rinnova la partnership tra S.P.A.L. e Centro di Medicina – Ferrara Day Surgery
25 Luglio 2022
Ecco il calendario estivo per le sedi del Gruppo Centro di medicina
8 Luglio 2022
Il 15 giugno 2022 presso la Cna di Ferrara si è tenuto l’incontro con tre specialisti di Centro di medicina Ferrara

Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti per le sue funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui Cookie Policy.

Impostazioni Cookie

Scegli a quali categorie di cookie dare il consenso. Clicca su "Salva impostazioni cookie" per confermare la tua scelta.

FunzionaliSi tratta di cookie necessari al corretto funzionamento del sito web.

Analitici

Social media

Marketing

Altri

Impostazioni Cookie

Scegli a quali categorie di cookie dare il consenso. Clicca su "Salva impostazioni cookie" per confermare la tua scelta.

FunzionaliSi tratta di cookie necessari al corretto funzionamento del sito web.

Analitici

Social media

Marketing

Altri


WeePie Cookie Allow close popup modal icon