Home > BlogSalute > E’ POSSIBILE PER TUTTI TOGLIERE GLI OCCHIALI O RIDURRE LO SPESSORE DELLE LENTI?

Ultimi articoli

6 Maggio 2021
Una condizione caratterizzata da rigidità e dolore nell'articolazione della spalla
21 Aprile 2021
"Bersaglio Melanoma" pazienti e specialisti alleati per diagnosi precoci
11 Marzo 2021
I vantaggi della pre-riabilitazione unita ad una valutazione funzionale per affrontare al meglio l’intervento chirurgico
9 Febbraio 2021
Malattia silenziosa, può fare la sua comparsa anche dopo anni
23 Dicembre 2020
Se ci nutriamo bene, saremo più forti per affrontare le infezioni, comprese le influenze stagionali

Archivi

BlogSalute

15 Novembre 2018

E’ POSSIBILE PER TUTTI TOGLIERE GLI OCCHIALI O RIDURRE LO SPESSORE DELLE LENTI?

Correggere miopia, ipermetropia e astigmatismo con l’intervento più adatto

Molte volte ci si avvicina a questo tipo di chirurgia in base alle informazioni raccolte da qualche parente o conoscente che si è già sottoposto all’operazione e che ci racconta di come la sua quotidianità sia migliorata senza il fastidio degli occhiali.

PRK, FEMTOLASIK sono alcune delle sigle con cui si incontra chi è alla ricerca di informazioni sulle varie tipologie di intervento, ma come capire con esattezza quale di questi sia il più adatto a noi?

Ne abbiamo discusso con il dottor Claudio Gorla, oculista, che indica tra i fattori primari da tenere in considerazione l’utilità della visita specialistica  per chiarire se è effettivamente possibile sottoporsi all’intervento e valutare i gradi di correzione ottenibili.

I parametri che si vanno ad approfondire in questa fase riguardano l’entità del difetto, lo spessore corneale, il diametro pupillare, le caratteristiche della superficie dell’occhio, la  quantità e la qualità del liquido lacrimale.

Eseguire questo tipo di controlli è fondamentale per tutelare il paziente da rischi inutili e garantire l’esecuzione dell’intervento nella maggior sicurezza possibile, fornendogli tutti gli elementi decisionali di cui ha bisogno per una scelta informata.

Le tecniche principalmente impiegate dalla chirurgia refrattiva sono il Lasik e la PRK, che garantiscono sicurezza e comfort per il paziente: il Lasik ha un tempo di recupero più veloce, il PRK al contrario è più lento, ma questo non significa che sia meno efficace.

La scelta tra l’una o l’altra tecnica viene valutata solo dopo un esame approfondito dell’occhio e un confronto tra medico e paziente, analizzando i vantaggi e gli svantaggi di entrambe in base alla situazione oggettiva.

Il ricorso alla chirurgia refrattiva è utile non solo per correggere la miopia, l’astigmatsmo e l’ipermetropia, ma anche per eventuali patologie della cornea o difetti comparsi in seguito ad un trapianto di cornea.

I laser di ultima generazione, inoltre, fanno si che la chirurgia refrattiva sia usufruibile anche da chi sino a qualche anno fa veniva considerato “non idoneo”, aumentando le possibilità di correzione dei difetti visivi.

Ultimi articoli

6 Maggio 2021
Una condizione caratterizzata da rigidità e dolore nell'articolazione della spalla
21 Aprile 2021
"Bersaglio Melanoma" pazienti e specialisti alleati per diagnosi precoci
11 Marzo 2021
I vantaggi della pre-riabilitazione unita ad una valutazione funzionale per affrontare al meglio l’intervento chirurgico
9 Febbraio 2021
Malattia silenziosa, può fare la sua comparsa anche dopo anni
23 Dicembre 2020
Se ci nutriamo bene, saremo più forti per affrontare le infezioni, comprese le influenze stagionali

Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Cookie Policy.Cookie Policy. Cliccando "Ok" su questo banner o proseguendo nella navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie.

Impostazioni: scegli a quali tipologie di cookie dare il consenso. Clicca "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.