Home > News > Benessere e nutrizione nei giovani: quando e come i genitori possono essere d’aiuto

Ultimi articoli

30 Giugno 2022
L’incontro ad ingresso libero avrà inizio alle ore 18.30 si terrà in Sala Rinaldi
27 Giugno 2022
L’incontro gratuito si terrà giovedì 30 giugno alle ore 20.30 grazie al supporto della Sezione A.N.A. di Vicenza “Monte Pasubio”
22 Giugno 2022
Valdagno. Stress, alimentazione e deep fake al centro di un incontro per le famiglie
21 Giugno 2022
L’approfondimento, dedicato ai medici, si terrà il 27 giugno a Rovigo
21 Giugno 2022
Al Pala Dante riuscito il primo incontro sulla salute dei giovani nel post pandemia

Archivi

News

22 Giugno 2022

Benessere e nutrizione nei giovani: quando e come i genitori possono essere d’aiuto

Valdagno. Stress, alimentazione e deep fake al centro di un incontro per le famiglie

Ormai è certificato dai numeri che la cosiddetta generazione Covid vede giovani stanchi e depressi che fanno fatica a confrontarsi con gli altri. L’Ospedale Sant’Orso in un recente comunicato ha registrato un aumento di quasi il 30% delle richieste di prime visite psicologiche. Così anche una recente ricerca del COVID-19 condotta dall’Università di Harvard, che ha coinvolto 3.453 individui attraverso dei questionari: per l’Italia hanno partecipato l’università degli Studi di Genova con il duplice obiettivo di monitorare lo stato psicologico di bambini e famiglie e individuare precocemente le eventuali situazioni di criticità a livello psichico e comportamentale.

I dati rilevati sono i seguenti: nei bambini e adolescenti di età compresa tra 6 e 20 anni i disturbi più frequenti hanno interessato la “componente somatica” (disturbi d’ansia e somatoformi come la sensazione di mancanza d’aria) e i disturbi del sonno. I dati hanno presentato inoltre una correlazione statisticamente significativa tra il livello di gravità dei comportamenti dei bambini/ragazzi e il grado di malessere “circostanziale” dei genitori: all’aumentare di sintomi o comportamenti dei genitori, aumentano in contemporaneità i disturbi comportamentali e della sfera emotiva nei bambini e negli adolescenti.

Sono state prodotte delle conclusioni piuttosto allarmanti sugli effetti dell’isolamento causato dal coronavirus per bambini e adolescenti, evidenziando una forte associazione tra solitudine e depressione nei giovani, sia nell’immediato sia sul lungo termine: sono stati presi in esame studi riguardanti bambini, adolescenti e giovani adulti di età compresa tra 4 e 21 anni, soprattutto i giovanissimi presentavano una probabilità tre volte maggiore di ammalarsi, in futuro, di depressione – effetto che, secondo gli studiosi, potrebbe concretizzarsi fino a 9 anni più tardi. Gli effetti veri e propri della pandemia li potremmo recepire in un secondo momento, ma nel frattempo cosa possiamo fare? La prevenzione è la risposta. Prevenire, supportare, imparare nuovi approcci di ascolto verso i nostri giovani.

Di stress, alimentazione e problematiche legate ad uno scorretto utilizzo della rete da parte dei giovani si parlerà lunedi 27 giugno alle ore 20:30 al PalaLido di Valdagno nell’ambito di un incontro organizzato dell’Hockey Club Valdagno con la partecipazione dell’Associazione Polisportiva, il patrocinio del Comune di Valdagno e la Direzione organizzativa e scientifica di Centro di medicina Valdagno. Tante le domande alle quali si proverà a dare risposta. In particolare, rispetto ai rischi di lasciare i giovani troppo tempo esposti ai pericoli della rete. Ma quali rischi corrono? “Il pericolo principalmente viene dal web, che si chiami body shaming, la vergogna di sé stessi, deep fake o cyberbullismo. – spiega la psicologa Jessica Baldin di Centro di medicina Trissino – Perché spesso chi c’è dall’altra parte non ha un volto e soprattutto può reiterare l’azione più e più volte nel tempo senza limiti spaziali e temporali”.

L’incontro, ad ingresso libero e gratuito, vedrà la partecipazione di tre professionisti del Centro di medicina Trissino interverranno in altrettanti campi: il Dottor Paolo Bari specialista in Otorinolaringoiatria ci spiegherà l’impatto dello stress nella vita di tutti i giorni, la Dottoressa Jessica Baldin psicologa, parlerà di come possiamo approcciarci ai ragazzi in questo nuovo mondo online che li circonda ed infine il biologo nutrizionista Dott. Manuele Perdoncin esporrà il ruolo da protagonista che ha l’alimentazione nella vita di tutti i giorni.

Ospite d’onore dell’incontro la squadra dell’Hockey Club Valdagno.

Per informazioni è possibile scrivere a valdagno@centrodimedicina.com oppure telefonare a Centro di medicina Valdagno Tel. 0445-401542

Ultimi articoli

30 Giugno 2022
L’incontro ad ingresso libero avrà inizio alle ore 18.30 si terrà in Sala Rinaldi
27 Giugno 2022
L’incontro gratuito si terrà giovedì 30 giugno alle ore 20.30 grazie al supporto della Sezione A.N.A. di Vicenza “Monte Pasubio”
22 Giugno 2022
Valdagno. Stress, alimentazione e deep fake al centro di un incontro per le famiglie
21 Giugno 2022
L’approfondimento, dedicato ai medici, si terrà il 27 giugno a Rovigo
21 Giugno 2022
Al Pala Dante riuscito il primo incontro sulla salute dei giovani nel post pandemia

Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti per le sue funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui Cookie Policy.

Impostazioni Cookie

Scegli a quali categorie di cookie dare il consenso. Clicca su "Salva impostazioni cookie" per confermare la tua scelta.

FunzionaliSi tratta di cookie necessari al corretto funzionamento del sito web.

Analitici

Social media

Marketing

Altri

Impostazioni Cookie

Scegli a quali categorie di cookie dare il consenso. Clicca su "Salva impostazioni cookie" per confermare la tua scelta.

FunzionaliSi tratta di cookie necessari al corretto funzionamento del sito web.

Analitici

Social media

Marketing

Altri


WeePie Cookie Allow close popup modal icon