Home > BlogSalute > ARTRITE CRONICA: UNA TERAPIA EFFICACE INIZIA DALLA DIAGNOSI PRECOCE

Ultimi articoli

9 Febbraio 2021
Malattia silenziosa, può fare la sua comparsa anche dopo anni
23 Dicembre 2020
Se ci nutriamo bene, saremo più forti per affrontare le infezioni, comprese le influenze stagionali
17 Novembre 2020
Ne parliamo con il dottor Marco Ghezzi, specialista in Endocrinologia
28 Ottobre 2020
Il Journal of Opthalmology dedicato alla Chirurgia Maculare pubblica uno studio del Dr. Andrea Volinia
4 Agosto 2020
Una tecnica soft per il rimodellamento del naso ideata dal dott. Francesco Aji

Archivi

BlogSalute

9 Ottobre 2018

ARTRITE CRONICA: UNA TERAPIA EFFICACE INIZIA DALLA DIAGNOSI PRECOCE

In Italia oltre il 10% dei pazienti affetti da tale patologia è parzialmente limitato nell’attività professionale

In Italia oltre il 10% dei pazienti affetti da tale patologia è parzialmente limitato nell’attività professionale e nel tempo libero, mentre il 4% è affetto da completa disabilità.
Solitamente chi presenta dolori articolari si rivolge al proprio medico curante che lo indirizza allo specialista reumatologo competente: è fondamentale farlo in tempi brevi per ottenere i massimi risultati dalle cure farmacologiche e dagli eventuali percorsi riabilitativi.
L’artrite cronica se trascurata può convertirsi in una malattia invalidante e dolorosa.
Se parliamo di artrite di tipo reumatoide, i primi sintomi sono il dolore (specialmente al risveglio) associato al gonfiore delle piccole articolazioni di mani, piedi e a volte persino polsi e caviglie.
Nei casi di spondiloartrite invece, i sintomi sono legati al tipo di malattia. La più frequente, l’artrite psoriasica si manifesta quando alla psoriasi già presente si aggiunge un’artrite, in modo peraltro variabile, rendendo difficoltosa la diagnosi.
La Spondilite Anchilosante è caratterizzata dal dolore lombare basso, molto intenso e presente soprattutto a riposo.
Il medico di famiglia dovrebbe provvedere ad effettuare alcuni accertamenti e in particolare esami del sangue per escludere eventuali infiammazioni e una volta meglio identificato il tipo di artrite indirizzarlo in tempi brevi dal reumatologo, in quanto una diagnosi precoce e una terapia repentina è in grado di arrestarne l’avanzare dei sintomi ed il danno articolare.
E’ possibile tenere sotto controllo le artriti croniche grazie ad una diagnosi tempestiva unita alle terapie farmacologiche attualmente disponibili.
I farmaci di nuova generazione permettono di bloccare l’evoluzione della malattia e nella maggior parte dei casi, impedire danni alle articolazioni, evitando quella deformità che sino a 15 anni fa era segno inequivocabile di questa malattia.
Nonostante ciò è impossibile parlare di una vera e propria cura, in quando se il ciclo di medicinali viene sospeso la malattia ricompare. Inoltre, non vanno sottovalutati gli effetti collaterali del farmaco, tra cui le infezioni, ed il costo molto elevato.
La miglior cura resta sempre la prevenzione unita ad uno stile di vita sano per attenuare i sintomi e migliorare la qualità della vita, facilitando il recupero della funzionalità articolare ed evitando il cronicizzarsi del processo.

Ultimi articoli

9 Febbraio 2021
Malattia silenziosa, può fare la sua comparsa anche dopo anni
23 Dicembre 2020
Se ci nutriamo bene, saremo più forti per affrontare le infezioni, comprese le influenze stagionali
17 Novembre 2020
Ne parliamo con il dottor Marco Ghezzi, specialista in Endocrinologia
28 Ottobre 2020
Il Journal of Opthalmology dedicato alla Chirurgia Maculare pubblica uno studio del Dr. Andrea Volinia
4 Agosto 2020
Una tecnica soft per il rimodellamento del naso ideata dal dott. Francesco Aji

Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Cookie Policy.Cookie Policy. Cliccando "Ok" su questo banner o proseguendo nella navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie.

Impostazioni: scegli a quali tipologie di cookie dare il consenso. Clicca "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.